Microprestito d'Impresa 2017, ecco la Guida Completa

Micro Prestito d'Impresa Regione Puglia: che cos'è, chi interessa, come fare per richiederlo.


                                                                             fonte: pixabay.com

Il MicroPrestito è lo strumento, attivo ormai già da un pò di anni e promosso da Sistema Puglia, con cui la Regione offre alle micro imprese, con sede operativa all’ interno del territorio pugliese, un finanziamento a tasso agevolato per la realizzazione di investimenti utili al miglioramento dell' attività d'impresa. L'obiettivo della Misura è quello di aiutare e supportare imprese che non hanno i requisiti patrimoniali e finanziari per ottenere un finanziamento dal sistema bancario.
Per approfondimenti leggi anche: Finanziamenti a Fondo Perduto Puglia

CHI PUÒ RICHIEDERE UN FINANZIAMENTO DEL FONDO?


Può chiedere un finanziamento un'impresa che al momento della presentazione della domanda sia in possesso di tutte le seguenti caratteristiche:

Aver emesso la prima fattura almeno 6 mesi prima della domanda preliminare di finanziamento (le imprese del settore del commercio devono aver emesso la prima fattura almeno 24 mesi prima della domanda e aver avuto un fatturato di almeno 60.000 nell'ultimo anno).

Avere meno di 10 addetti e non essere partecipata per la maggioranza 1 Direttive di attuazione del Fondo approvate con DGR 22 dicembre 2011, n. 2934 pubblicata sul Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 5 dell'11-01-2012 modificate con DGR 1969 del 18/10/2013 del capitale da altre imprese.

Avere una delle seguenti forme giuridiche: ditta individuale, società cooperativa con meno di 10 soci, società in nome collettivo, società in accomandita semplice, associazione tra professionisti, società a responsabilità limitata;

Requisito importante per poter accedere al Microprestito della Regione Puglia è la “non bancabilità”, negli ultimi 12 mesi, del soggetto richiedente ovvero:
  • non avere avuto liquidità per più di 50.000 euro;
  • non essere stata proprietaria di immobili e macchinari per un valore superiore a 200.000 euro;
  • non avere un fatturato superiore a 240.000 euro;
  • non aver beneficiato di finanziamenti per un importo superiore a 30.000 euro .

COSA RIENTRA TRA LE SPESE DI GESTIONE?

Con il MicroCredito si possono finanziare anche spese di gestione per: 
canoni ed abbonamenti per l’accesso a banche dati, per servizi software, servizi “cloud”, servizi informativi, housing;
registrazione di domini Internet;
servizi di posizionamento sui motori di ricerca;
acquisto di spazi per campagne di Web Marketing.


In conclusione possiamo notare come al momento attuale il Micro Credito della Regione Puglia risulti davvero un valido strumento di crescita per quelle imprese di piccole dimensioni che hanno difficoltà di accesso al credito, si prevede che la misura di agevolazione alle imprese sarà ancora attiva per il 2017, vi terremo aggiornati alla pubblicazione del nuovo bando!